Sangiovese

Romagna e Sangiovese, un’accoppiata vincente

Con rinnovato slancio il Ravenna H.O.G.® Chapter festeggia 21 anni di passione sfrenata per le Harley-Davidson, dando vita a una delle edizioni più riuscite dello spumeggiante Sangiovese Tour


Testo: Aldo Pagnussat
Foto: Paolo Grana

Dopo aver percorso tantissima strada, anche un motore robusto e infaticabile come quelli che da 116 anni vengono assemblati a Milwaukee, può necessitare di una profonda manutenzione straordinaria. Quello che dal 1998 alimenta l’ardore del Ravenna H.O.G.® Chapter qualche anno fa pareva quasi grippato. È stato quindi necessario intervenire con fermezza e decisione per farlo tornare a rombare a pieni giri come un tempo. Il direttivo ravennate l’ha realizzato nel 2015 in seguito a un Sangiovese Tour sottotono e si è subito messo all’opera per ricondizionare da cima a fondo il propulsore della grande passione per le Harley-Davidson, condivisa dai soci del Chapter.

Guidato da Stefano Altini, director a partire dal 2017, il Ravenna si è dato un gran daffare per recuperare terreno. Frequentando numerosi eventi ha preso diversi spunti potendo contare sui preziosi consigli ricevuti da director, assistant e road captain degli altri Chapter. Una conferma di come aiuto e cooperazione siano valori comuni a tutti i componenti della grande famiglia Harley Owners Group®! Le soddisfazioni non sono tardate ad arrivare. Il successo ottenuto dal Sangiovese Tour nel 2018 viene ampiamente superato nel weekend del 14 e 15 settembre.

Sabato mattina gli ampi spazi intorno alla concessionaria H-D® Ravenna straripano di cromature: 268 le Harley presenti all’appello per un totale di 328 tra centauri e ladies, molte delle quali in sella alla propria moto! Sono accolti da una lauta colazione e dai più celebri successi di Casadei suonati a tutto volume dall’impianto di uno CVO Street Glide®, ideali per alimentare un’atmosfera festosa e informale. Chi si aspetta una giornata ad altissimo tasso chilometrico non resta affatto deluso. Una sfilata rombante tra le vie del centro di Ravenna anticipa un vero e proprio tour, che si snoda tra le strade di pianura per arrampicarsi poi sulle bucoliche colline romagnole. Per gestire su strade secondarie un corteo di 268 motociclette senza mai perdere un pezzo per strada ci vuole una certa preparazione. Se la scorta di due moto della Polizia è indispensabile, altrettanto lo è il gran lavoro svolto dai quindici road captain, che operano a staffetta lungo gli oltre 180 chilometri del giro.

L’arrivo alla prima tappa presso l’imponente cantina Poderi dal Nespoli avviene in perfetto orario sulla tabella di marcia. L’occasione per fare il pieno di prelibatezze locali accompagnate da rossi, bianchi e birra a volontà, mentre un giovane trio che spazia dal reggae al rock contribuisce a tenere alto lo spirito dei partecipanti. Inforcate nuovamente le moto, i fanali puntano verso la splendida location che ospita la serata di gala. Almeno questo è quello che si aspettano i partecipanti, ma un fuori programma lungo il tragitto è la sorpresa che il Ravenna Chapter ha in serbo per tutti loro. In tanti restano piacevolmente stupiti nel vedere l’invalicabile inferriata dell’Aeronautica Militare Comando 15° Stormo di Cervia aprirsi per ospitare l’entusiasmo H.O.G.. Ne consegue una libera cavalcata a manetta spalancata lungo il rettilineo della pista d’atterraggio, costeggiato dagli hangar. Attirano l’attenzione alcuni elicotteri impiegati per missioni di ricerca e soccorso.

Dopo quasi duecento chilometri di tour sotto un sole ancora estivo, un meritato aperitivo a bordo piscina presso il Grand Hotel Gallia di Milano Marittima è quel che ci vuole per riprendere le forze. Allestita nella sala principale dell’imponente struttura, la festa serale contempla cena di gala ben annaffiata, accompagnata dalla musica live de I Barboni di Lusso. Tra una portata e l’altra il director Stefano Altini prende possesso di microfono e palco per consegnare un ricordo ai rappresentanti dei trenta Chapter presenti: un orologio da parete il cui quadrante raffigura la pin-up simbolo del Sangiovese Tour. Lo show del cabarettista Andrea Vasumi, noto per la partecipazione a Zelig Off, fa salire alle stelle il livello di allegria, alimentato da sessioni interminabili di cicchetti. È ancora una volta l’infaticabile director del Ravenna Chapter a prendere la parola per ringraziare sponsor, volontari e gli intervenuti, annunciando l’imminente arrivo di una spaghettata al tonno a conferma del fatto che in Romagna il desiderio di far festa non finisce mai. Un metodo efficace e gustoso per dare appuntamento al prossimo anno per un altra avvincente cavalcata tra le colline della spettacolare, accogliente, divertente Romagna.